Tanti tipi di libri proibiti!

Mi sembra che questa cosa di proibire i libri stia diventando proprio una mania! Ha cominciato un sindaco a Venezia ora sta continuando per motivi completamente diversi una ministra dell'Istruzione in Francia. Alla ministra francese non piace Cappuccetto Rosso perchè è sessista. E l'ha proibito.

Un whatsapp che dice la verità

Abbiamo preparato un testo, io cioè Donatella Caione e la psicologa Tiziana Carella, da inviare tramite whatsapp per rispondere a chi invia messaggi inventati come quelli che stanno circolan

Uccidere per un melone

Ci sono delle notizie che ti sconcertano, che ti fanno sentire una marziana, che ti fanno pensare che stiamo andando verso il più atroce imbarbarimento.

Libri per educare all'intercultura

Libri sull'intercultura

Educare i ragazzi e le ragazze alla diversità culturale, all'accoglienza, all'importanza dell'aprirsi agli altri è un tema che è molto caro alla Casa Editrice Mammeonline. E tanto più lo è in questo periodo buio e triste, in cui sembra che abbiamo tutti dimenticato da dove veniamo e cosa abbiamo vissuto. In cui insomma sembra che abbiamo dimenticato la nostra storia.

Tutto quello che c'è da sapere sulla bufala del gender

Quando comincia la questione gender?

Tutto comincia un paio d'anni fa, mentre da più parti si comincia a parlare dell'importanza di educare ai sentimenti e contrastare gli stereotipi di genere (anche per contrastare la violenza contro le donne e il bullismo, compreso quello omofobico) si comincia a creare la voce di una certa ideologia gender che vorrebbe negare le differenze uomo-donna. Poi con i mesi questa ideologia gender, che in realtà non esiste, viene "arricchita" di contenuti sempre più spaventosi.

Compiti sì o compiti no?

Non sono una che ama gli eccessi, sono una per cui c'è sempre una giusta via di mezzo, ma credo che a volte l'eccesso, la provocazione siano utili per provocare un cambiamento.

Eco, le bufale, il sessismo, i social...

Si è discusso molto nei giorni scorsi sulle considerazioni di Umberto Eco: «I social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività. Venivano subito messi a tacere, mentre ora hanno lo stesso diritto di parola di un Premio Nobel. È l’invasione degli imbecilli».

Cose che stanno succedendo

Cose successe tre giorni fa:

Lunedì 29 giugno a Polignano a mare, un trentottenne viene inseguito e massacrato di botte perchè gay.