Ignoranza sul sesso tra i giovani, molestie in aumento ma...

Leggo su quotidiano.net che "Da uno studio Gfk Health online, rivolto a a oltre 3mila giovani uomini e donne tra i 13 e i 25 anni di 15 Paesi, emerge che il tema della contraccezione spesso è affrontato con troppa leggerezza, tant’è che oltre la metà degli intervistati (57,1%) ha ammesso di aver avuto rapporti non protetti. Il 25,1% perché ritiene una gravidanza improbabile, altri hanno volutamente scelto di affidarsi alla fortuna e oltre il 40% di non aver avuto nessun metodo contraccettivo disponibile al momento." E se quasi il 24% dei quindicenni italiani ha già avuto un rapporto sessuale,  è in atto un vero e proprio boom della contraccezione d’emergenza. 

Qualche altro dato: "Ricerche condotte negli Stati Uniti, rivelano come già a 13-14 anni gli adolescenti inizino a documentarsi sul sesso tramite siti porno. Da qui ne deriva una visione distorta della sessualità."

Nel frattempo arrivano i dati  pubblicati dall’Istat nel report ‘Le molestie e i ricatti sessuali sul lavoro’, relativi al 2015-2016, che mostrano con allarmante chiarezza quanto questa forma di violenza di genere sia purtroppo ancora molto diffusa nel Paese, in tutti gli ambiti professionali e sociali.

"Il contrasto più efficace alle molestie sessuali, così come a ogni forma di violenza di genere, è nella prevenzione. E la prevenzione più forte è data da un cambiamento culturale profondo e duraturo, tanto più profondo e duraturo se nasce dalla scuola e nella scuola, con il contributo di tutta la comunità educante”, conclude la Ministra Fedeli.

Tutto giusto, ma poi succede che si sfoglia un libro di scienze della scuola media e si scopre che si parla della prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili senza nominare il profilattico o che per fare corsi di educazione sessuale nella scuola bisogna fare non si sa quante procedure e chiedere autorizzazioni ai genitori. E non parliamo di corsi di educazione sull'affettività, contro la violenza, contro il bullismo anche omofobico.

Qualcosa non torna.