Qual è il segreto di papà?

Quale è il segreto di papà?. Il papà di Giulia e Carlo fa il misterioso. I genitori si sono separati da qualche anno: la mamma ha un nuovo compagno e il papà una nuova casa. Il papà da un pò di tempo è strano e i figli si chiedono il perché: forse è una spia internazionale o un rapinatore? Il pensiero non li fa dormire e le congetture si moltiplicano.

Quando il mistero viene svelato per i bambini è un sollievo; il papà è innamorato. La persona alla quale vuole bene ama la pasta, guida una moto veloce che ha anche la sirena, si chiama Luca.

Il papà è gay. In una delle illustrazioni, delicate e misurate, si vedono il papà che presenta Luca ai figli sulla porta di casa; il pensiero dei bambini e del gatto è rappresentato in una nuvoletta sulla testa di ognuno(compreso il gatto) dentro alla quale è collocato un cuore  con il punto esclamativo.

Il libro adatto ai bambini è di Francesca Pardi. pubblicato dalla Casa editrice Lo Stampatello, illustrazioni di Desideria Guicciardini.

Alcune Case Editrici coraggiose e di nicchia, stanno pubblicando una serie di libri su situazioni esistenti che occorre spiegare ai bambini se le vivono in prima persona. In Italia sono circa centomila i minori con un genitore omosessuale. E Lo Stampatello è un editore che affronta il tema dell’omogenitorialità. L’anno scorso sullo stesso argomento è uscito edito da Junior ( per bambini di 8 anni) una storia d’amore tra pinguini nello zoo di Central Park a New York.

Chissà si chiede un recensore di libri, se sarà il momento di tradurre in Italia il libro uscito in Olanda “King&King” in cui un principe azzurro si innamora e vive felice non con la principessa ma con suo fratello!

Spesso un libro è un ottimo mediatore nella comunicazione tra figli e genitori, incapaci di trovare le parole giuste per affrontare un problema che li tocca da vicino. E per un bambino è significativo leggere storie in cui ritrovarsi e dare un senso alla vita. Le avventure dei grandi possono essere raccontate ai piccoli che lo richiedano, evidenziando una domanda che altrimenti rimarrebbe nascosta.  Purchè le parole dei grandi, attraverso le illustrazioni del libro o la narrazione pura e semplice, siano delicate e rispettose dell’età dei figli.

Altre Case Editrici coraggiose affrontano la separazione attraverso una storia commentata come “Bambini con le ruote. Sopravvivere alla separazione”Mammeonline, di Pina Tromellini e  Annamaria Gozzi. Oppure in un libro di Annalisa Strada, emerge la realtà di una famiglia allargata dove due ragazzine di nazionalità diverse, diventano sorelle grazie all’amore dei genitori, edizione del  Battello a Vapore.

Sono libri importanti e innovativi che finalmente non si nascondono dietro scenari camuffati da verità. La costante che li lega è comunque l’amore che attraversa le storie, un amore che presenta diverse sfaccettature ma che rimane una forza della natura.

Continuiamo a pensare che i nostri figli non capiscano? Che lo comprenderanno da soli, più tardi?

Che c’è tempo per affrontare certi problemi? Le domande invece sono lì, dentro ad ognuno e aspettano che l’adulto  aiuti a trovare la strada giusta.

Cito altri tre libri adatti ai minori, sulla separazione:”Mi chiamo Nina e vivo in due case”di Marian De Smet e Nynke Talsma-ed Clavis( 3-4 anni) o “Tira e molla in famiglia” V.Dumont e B.Soria-

Ed Motta Junior (7-8anni) o ancora “La bambina con la valigia”di Jacqueline Wilson – ed Gli istrici della Salani (10-11 anni).

 

Articolo di Pina Tromellini