Stamattina mi viene così...

ricoluz7.jpg

Comincio a scrivere uno dei miei soliti articoletti ma in realtà non so ancora bene di cosa scriverò, poichè troppi sono gli stimoli, quasi tutti negativi, che ho ricevuto tra ieri sera e stamattina.

C'è ovviamente il gender, e il documento che con altre associazioni di Foggia stiamo ultimando, sperando di creare una catena di buona informazione. 

Ma temporaneamente è stato messo da parte perchè c'è stata la tragedia del 13 novembre, e tutto quello che è successo dopo (ma anche prima... era stato abbattuto un aereo ma non se ne era parlato più di tanto, perchè?), altri fatti, altre tragedie, violenza e bombe per rispondere alla violenza, considerazioni, insulti... 4 giorni di discussioni, letture, confronti.

Ma poichè nel frattempo ci avviciniamo al 25 novembre, e sono stata invitata a partecipare a degli incontri, cerco di portare la mia attenzione sulla violenza contro le donne, sul femminicidio. Un tema ormai acclarato, mi dico, e invece no... prima mi imbatto nel terribile spot di Doppia Difesa (l'ass. dell'avvocata Bongiorno e Michelle Hunziker), dove penso di trovare donne vittime di violenza o uomini maltrattanti e mi imbatto in donne cretine che hanno bisogno di farsi portare fuori o comprare le scarpe o disperate perchè il marito dimentica l'anniversario... 

Poi mi arriva la mail con il bel comunicato (stimolo positivo) di D.I.R.E. su questa altra bufala che sta per sommergerci, quella della Pas, (Parental alienation syndrome) che ora si chiama AP (mal tradotta in alienazione parentale, che però in italiano sarebbe alienazione genitoriale, perchè parent in inglese vuol dire genitore!). La parola Syndrome l'hanno tolta perchè si vede che si sono accorti che era sparata troppo grossa! Scrissi su queste pagine un articolo qualche anno fa, quando condussi anche delle ricerche sui legami fra i fautori della Pas e l'incitazione alla violenza contro le donne, oltre che con la legge sull'affido condiviso. Ahimè.

Ecco come definisce giustamente D-I.R.E. la Pas: sindrome falsa, inesistente, e immancabilmente utilizzata per criminalizzare le madri e difendere padri abusanti o mariti violenti, a dispetto della salute e della sicurezza dei bambini che hanno visto il padre maltrattare la madre.

Ma la Pas o Ap che sia mi riporta a Doppia Difesa, che ha prodotto appunto gli spot segnalati da D.I.R.E., utilizzando i bei volti del cinema italiano, per chiedere sostegno al progetto di legge che l'avvocata Bongiorno ha scritto. Sono sul sito di Doppia difesa, se volete vederli. In due su tre sono le mamme ad alienare, nel terzo neanche si capisce, ma lo slogan spiega: "Escludere un figlio dalla vita del tuo ex coniuge è una forma di violenza". Ed è specificato al maschile "il TUO ex...", perchè sì sono le madri ad alienare i padri, madri cui magari è stato dato l'affidamento del figlio o della figlia proprio perchè l'ex era un violento.

E da qui è facile passare a riflettere sull'importanza del linguaggio di genere! Qui il maschile è usato furbescamente, un finto neutro che in realtà fa pensare a padri alienati.

E tutto questo è talmente sconfortante che quasi quasi mi viene voglia di citare Salvini che ieri ha detto "Dove sono le femministe?". Eh vabbè, passatemela sta battuta! In realtà stamattina non è certo a Salvini che penso ma alla mia amica Palma! E davvero credo che qui tra il sessismo del linguaggio, il sessismo di chi ci impedisce l'educazione alle differenze, il sessismo di chi considera le madri alienanti o il sessismo di chi ridicolizza la violenza contro le donne almeno un problema centrale l'ho individuato.

Vi direi buongiorno a tutti, ma per non essere fraintesa e visto che ormai sono quasi le 14, vi dico buon pomeriggio!

Donatella Caione