La Convenzione di Istanbul: Educazione e formazione

piume1.jpg

Alla vigilia del 25 novembre, quando per un giorno sembra che la violenza contro le donne sia un'emergenza, ricordiamo anche la Convenzione di Istanbul contro la violenza sulle donne, recepita e approvata dal nostro Parlamento, che individua come cruciali educazione e formazione a prevenzione e contrasto delle violenze.

Alla vigilia del 25 novembre, quando per un giorno sembra che la violenza contro le donne sia un'emergenza, ricordiamo anche la  Convenzione di Istanbul contro la violenza sulle donne, recepita e approvata dal nostro Parlamento, che individua come cruciali educazione e formazione a prevenzione e contrasto delle violenze.

Articolo 14 – Educazione

Le Parti intraprendono, se del caso, le azioni necessarie per includere nei programmi scolastici di ogni ordine e grado dei materiali didattici su temi quali la parità tra i sessi, i ruoli di genere non stereotipati, il reciproco rispetto, la soluzione non violenta dei conflitti nei rapporti interpersonali, la violenza contro le donne basata sul genere e il diritto all’integrità personale, appropriati al livello cognitivo degli allievi. Le Parti intraprendono le azioni necessarie per promuovere i principi enunciati al precedente paragrafo 1 nelle strutture di istruzione non formale, nonché nei centri sportivi, culturali e di svago e nei mass media.

Articolo 15 – Formazione delle figure professionali
Le Parti forniscono o rafforzano un’adeguata formazione delle figure professionali che si occupano delle vittime o degli autori di tutti gli atti di violenza che rientrano nel campo di applicazione della presente Convenzione in materia di prevenzione e individuazione di tale violenza, uguaglianza tra le donne e gli uomini, bisogni e diritti delle vittime, e su come prevenire la vittimizzazione secondaria.
Le Parti incoraggiano a inserire nella formazione di cui al paragrafo 1 dei corsi di formazione in materia di cooperazione coordinata interistituzionale, al fine di consentire una gestione globale e adeguata degli orientamenti da seguire nei casi di violenza che rientrano nel campo di applicazione della presente Convenzione.

 

Il quadro nella foto è di Paola Sorrentino. Altri suoi quadri sono sul sito:

Storie di musicisti distratti

o sulla pagina Facebook: https://www.facebook.com/pages/Storie-di-musicisti-distratti/156023721123936?ref=ts&fref=ts