Cosa vorresti fare da grande? I bambini parlano dei ruoli

Cosa vorresti fare da grande? I maschietti rispondono: "il calciatore, il poliziotto", le femminucce: "la maestra, la ballerina, la show girl".

Come sono i maschi? "Hanno la voce forte, non cucinano bene, sono agitati, sono più brutti, sanno combattere, sono più svegli, nei film risolvono i problemi, i maschi possono avere quello che vogliono..."

Come sono le femmine? "Le femmine sono più intelligenti, più belle, più tranquille, giocano con le barbie, non è che sono tanto svelte, fanno le cose più semplici, al massimo possono autare una vecchietta ad attraversare, fare le pulizie e a volte non vogliono neanche fare da mangiare"

C'è qualcosa che i maschi non possono fare? "No, i maschi possono fare quasi tutto... le femmine invece..."

Chi si occuperà dei figli nella tua famiglia? Le femmine rispondono "io", "Mio marito quando io devo andare a fare la spesa", "le mamme devono badare ai figli perchè i papò devono andare a lavorare per guadagnare"

I maschi rispondono: "La mia sposa", "le femmine devono stare a casa per fare il mangiare, le pulizie..."

Sei contento di essere maschio? "Sì, perchè posso fare delle cose che le femmine non possono fare"

Sei contenta di essere femmina? "Sì, perchè i maschi hanno giochi stupidi, mentre noi abbiamo giochi bellissimi", "Sì perchè i nostri vestiti sono più belli, meno sportivi".

No, non sono risposte di bambini di 60 anni fa e neanche di 30 anni fa. Sono risposte di bambini della scuola elementare... di oggi! Bambini perfettamente inquadrati nei loro ruoli di maschi e di femmine. Bambine contente di essere femmine non perchè vivono in una società forse un po' più favorevole alla loro totale libertà di espressione, ma contente perchè possono fare la show girl, possono giocare con le barbie, possono avere vestiti più belli, perchè sono più belle.

Sono i bambini che hanno risposto alle interviste di Alessandra Ghimenti, raccolte in un documentario di cui possiamo vedere il trailer:

 

 

Non c'è da stupirsi, questi bambini sono quello che vedono in televisione, quello che leggono sui libri di scuola (ci sono indagini che documentano il sessismo nei testi scolastici), quello che imparano vedendo le relazioni tra i loro genitori. Che tristezza però!

Per organizzare proiezioni nella propria scuola si può contattare su Facebook l'autrice, Alessandra Ghimenti.