Chiamarlo amore non si può

Chiamarlo amore non-si può cover web.jpg

Com'è nata l'idea di Chiamarlo amore non si può?

L'idea è di Annamaria Piccione, una delle 23 autrici, ma anche l'ideatrice di questo libro. Le è capitato di ascoltare la canzone La fata di Edoardo Bennato proprio quando stavamo lavorando alla nascita del libro.

Ci piaceva l'idea che ci fosse la parola "amore" nel titolo ma anche che fosse chiaro che l'amore non c'entra nulla in rapporti in cui vi è violenza, che sia fisica o psicologica. E questa frase l'esprime bene.

 

Quanto è importante fare narrativa per ragazze e ragazzi su questo tema, soprattutto durante la pre-adolescenza e l’adolescenza?

Moltissimo. E non è affatto facile perchè è una fascia di età in cui anche quelli che erano lettori appassionati da piccoli tendono ad allontanarsi dai libri, distratti da tanto altro. Non è facile trovare temi che li coinvolgano, individuare il giusto equilibrio tra racconti vicini al loro vissuto quotidiano ma al contempo che trattino temi non banali. Nonostante però le difficoltà c'è un grande punto di forza: la presenza nel nostro panorama editoriale di tanti bravissimi autori per ragazzi. E autrici ovviamente, come questo libro dimostra. La ricchezza di questo libro infatti sono le tanti voci, i tanti modi di raccontare un tema, sicchè ogni lettore e ogni lettrice potranno trovare quella/e in cui identificarsi.

Come un libro può diventare strumento di prevenzione?

Lo può diventare se il libro diventa un qualcosa in cui ritrovarsi, attraverso il quale trovare forza, individuare delle soluzioni ritrovandosi in quel che vivono le protagonisti e i protagonisti. Leggendo questi racconti i ragazzi e le ragazze potranno ricevere un aiuto per mettere a fuoco delle sensazioni e delle emozioni e trovare la forza per affrontarle. Inoltre questo è un libro che potrà essere un ottimo strumento di lavoro per le insegnanti e di discussione per i ragazzi. Noi ci auguriamo che dopo aver letto questo libro le adolescenti si sentano più sicure di sè, più determinate nei rapporti con i ragazzi.

Intervista a Donatella Caione, Casa editrice Mammeonline

Cliccare qui per info su Chiamarlo Amore non si può