emozioni

Come ascoltare i bambini che non sanno ancora parlare

Si potrebbe facilmente essere portati a credere che l'ascolto attivo sia utile solo per i bambini in grado di parlare. Non è così, anche se  "l'ascolto attivo con i bambini più piccoli richiede indubbiamente una maggiore comprensione della comunicazione non verbale per poter rispondere in modo efficace ai loro messaggi non verbali".

Come si fa?

Genitori efficaci di Thomas Gordon

Ho accennato più volte a Thomas Gordon e al suo libro Genitori Efficaci, in queste pagine, ma ora voglio accennare qualcos'altro per invitare i genitori a leggerlo per imparare a praticare l'ascolto attivo. La proposta di Gordon è un metodo che, attraverso le pratiche educative del rispetto, dell'ascolto e della collaborazione nella risoluzione dei conflitti, possa far sì che la famiglia diventi un creativo spazio di democrazia.

Come essere genitori efficaci?

Imparare a gestire le emozioni

SogniMolti genitori si preoccupano quando i bambini, verso i due tre anni, cominciano ad avere delle vere e proprie crisi di nervi: piangono, strillano, e a volte si agitano rischiando anche di farsi del male o farlo magari alla sorellina o al fratellino. Ma si preoccupano a volte per il motivo sbagliato: pensano che il bambino faccia i capricci o che stia cominciando a mostrare di avere un brutto carattere, che la sua indole stia cambiando insomma...

L'abbraccio contenitivo

Ci sono dei momenti in cui bimbi più piccini, ma comunque in genere sopra i 18 mesi/ due anni, hanno delle crisi di nervi che ci lasciano impotenti!. Strillano, piangono, urlano, a volte lanciano oggetti e rischiano anche di farsi del male o di farlo a chi sta intorno, specie se c'è un fratellino o sorellina contro cuiè rivolta la loro ira.