"Caro gender ti scrivo..." La lettera di Paola

image.png

Caro gender... e cara dirigente scolastica,

"Caro gender ti scrivo..." La lettera di Franca

Caro Gender,

So che sei un personaggio inventato, ma ti voglio raccontare una storia.

L. è un bambino, adottato, viene dalla Russia. I suoi genitori sono trentini.

Ancora sulla bufala gender: risposte al primo articolo

volantino-gender-fronte.jpg

La settimana scorsa ho pubblicato qui un articolo sulla bufala gender che ha avuto una visibilità straordinaria. Ad oggi ha avuto 98mila letture, un record per questo piccolo sito.

Tutto quello che c'è da sapere sulla bufala del gender

gender.jpg

Quando comincia la questione gender?

Tutto comincia un paio d'anni fa, mentre da più parti si comincia a parlare dell'importanza di educare ai sentimenti e contrastare gli stereotipi di genere (anche per contrastare la violenza contro le donne e il bullismo, compreso quello omofobico) si comincia a creare la voce di una certa ideologia gender che vorrebbe negare le differenze uomo-donna. Poi con i mesi questa ideologia gender, che in realtà non esiste, viene "arricchita" di contenuti sempre più spaventosi.

Compiti sì o compiti no?

Non sono una che ama gli eccessi, sono una per cui c'è sempre una giusta via di mezzo, ma credo che a volte l'eccesso, la provocazione siano utili per provocare un cambiamento.

Eco, le bufale, il sessismo, i social...

Si è discusso molto nei giorni scorsi sulle considerazioni di Umberto Eco: «I social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività. Venivano subito messi a tacere, mentre ora hanno lo stesso diritto di parola di un Premio Nobel. È l’invasione degli imbecilli».

Cose che stanno succedendo

11702826_10152852312411836_6253160560001696507_n.png

Cose successe tre giorni fa:

Lunedì 29 giugno a Polignano a mare, un trentottenne viene inseguito e massacrato di botte perchè gay.

Le aquile sono nate per volare

index.jpg

Quando una mamma (o un papà) scopre che il proprio figlio o la propria figlia hanno delle difficoltà di apprendimento in genere ha bisogno di capirci di più, di svelare il sign

Abbiate almeno il coraggio di dire contro cosa siete...

Chi segue questo sitarello e segue le mie chiacchierate su social network lo sa, sono stata tra le prime a lanciare l'allarme contro quelli del gender, quelli che si sono riuniti l'altro g

La scuola cambia: BES, Bisogni Educativi Speciali

mammstyle-logo.png

La scuola cambia come tutta la società attorno a noi. Le famiglie allargate sono sempre più numerose, il tempo che i genitori passano fuori casa aumenta, i figli passano ore e ore a scuola... Qualche anno fa, alcune parole erano del tutto sconosciute nella programmazione scolastica: il POF,  il portfolio delle competenze, il PDP o il PEI, i DSA e da qualche tempo a questa parte anche l’acronimo BES.